Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 4 Nov 2020 in Attività | 0 Commenti

“4 novembre 2020 non festa ma lutto” (Movimento Nonviolento)

“4 novembre 2020 non festa ma lutto” (Movimento Nonviolento)

Oggi, 4 novembre, anniversario della fine dell’inutile strage che fu il primo tragico conflitto mondiale, il Movimento Nonviolento intende comunque commemorare in modo nonviolento le vittime di tutte le guerre.

 

In tempi di emergenza sanitaria non si possono tenere manifestazioni pubbliche. Per rispetto di tutti e a tutela dei più fragili, ci adeguiamo a tali prescrizioni. Oggi, 4 novembre, anniversario della fine dell’inutile strage che fu il primo tragico conflitto mondiale, vogliamo comunque commemorare in modo nonviolento le vittime di tutte le guerre, e lo facciamo a distanza, ma idealmente davanti ad ogni monumento, targa, cippo che in tutta Italia ricordano quell’evento storico.

 

Ancora una volta diciamo che solo opponendosi a tutte le guerre si onora la memoria delle persone che dalle guerre sono state uccise. A tutte le persone amiche della nonviolenza chiediamo di diffondere questa proposta e contribuire a questa iniziativa, diffondendo questo testo.

 

Una delle drammatiche conseguenze della guerra 1915-18 fu la prima pandemia del XX secolo, la cosiddetta “spagnola”, la grande influenza che uccise 50 milioni di persone nel mondo (su una popolazione di 2 miliardi). Milioni di militari vivevano ammassati in trincee sui vari fronti favorendo così la diffusione del virus: malnutrizione, campi medici e ospedali sovraffollati, scarsa igiene, fecero il resto. La malattia fu negata e sottovalutata, poiché la censura militare non voleva che se ne desse notizia. Si chiama “spagnola” proprio perché ne parlarono per primi i giornali spagnoli in quanto la Spagna non era coinvolta nel conflitto. La propaganda bellica uccide la verità.4 novembre soldato

 

Pandemia, informazione, guerra: tre parole che ci richiamano all’attualità dell’impegno per la pace.

 

Solo la nonviolenza può salvare l’umanità

 

Per questo chiediamo una drastica riduzione delle spese militari che gravano sul bilancio dello stato italiano per l’enorme importo di 26 miliardi di euro all’anno.

 

Per questo chiediamo che i fondi pubblici oggi destinati a strutture e strumenti di morte siano invece utilizzati in difesa della salute, dell’educazione, del lavoro, della cultura.

 

Per questo chiediamo una politica di disarmo: le armi sempre e solo uccidono gli esseri umani e distruggono la nostra casa comune. Gli F35 non possono bombardare il virus; gli studenti non possono andare a scuola con i carri armati: bisogna avere più ospedali e più scuole, meno bombe e meno eserciti.

 

Non è però solo un problema di fondi ma di impostazione generale ed è ora quindi che il nostro Paese, con una scelta coraggiosa ed innovativa, si doti di strumenti migliori per affrontare le problematiche mondiali del nostro tempo. La difesa civile non armata e nonviolenta è una pratica già in atto. Per questo abbiamo dato vita e sosteniamo la Campagna “Un’altra difesa è possibile”.

 

È l’ora di una svolta, in nome dell’umanità e della pace.

 

Solo la pace salva le vite. Salvare le vite è il primo dovere.

 

 

Movimento Nonviolento

via Spagna 8

37123 Verona

tel. 0458009803

azionenonviolenta.it

nonviolenti.org

 

 

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *