Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 24 Ago 2018 in Chiesa | 0 Commenti

Il Dio infilzato: da che parte sta? (L Del Boca)

Il Dio infilzato: da che parte sta? (L Del Boca)

All’imbocco della galleria del Castelletto, sulle Tofane, una targa reca queste parole strazianti:

“Tutti avevano a faccia del Cristo

nella livida aureola dell’elmetto.

Tutti portavano l’insegna del supplizio

nella croce della baionetta,

e nelle tasche il pane dell’ultima cena,

e nella gola,

il pianto dell’ultimo addio”.

In quel diffuso e dominate senso d’impotenza, qualcuno dei soldati ritrovò la fede e qualcuno la perse.

Sul Monte Roite, un piccolo Cristo saldato sulla punta di una baionetta e una data senza importanza: ottobre 1916. Importante è il messaggio, perché s’infilzavano con Gesù.

Non per nulla, il poeta inglese John Collings Squire non si trattenne dall’ironizzare:

“Dio udì le nazioni in guerra gridare e cantare

‘Dio punisca l’Inghilterra’, ‘Dio salvi il re’

‘Dio è da questa parte’, ‘Dio è da quell’altra’

‘Buon Dio’ disse Dio ‘mi hanno trovato un lavoro'”.

Lorenzo Del Boca, Maledetta Guerra, Piemme, 2015, p. 145

La targa al Castelletto

(foto in evidenza e qui di Maurizio Mazzetto)

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *