Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 11 Mar 2019 in Storia | 0 Commenti

Il nemico da combattere e le donne socialiste (U. De Grandis)

Non era l’uomo al di là del reticolato il nemico da combattere, no: il vero nemico di quell’esercito di straccioni, che non aveva alcuna cognizione di motivi che lo avevano costretto ad abbandonare i campi, le officine e le famiglie per vestire la divisa e sparare contro altri straccioni di cui fino al giorno prima aveva ignorato l’esistenza, era quello “interno”. Era chi aveva infranto la neutralità agognata dalla popolazione, dichiarando guerra a una nazione con la quale l’Italia era legata da una più che trentennale alleanza; era quello che si arricchiva con le commesse belliche e con le speculazioni sui generi di prima necessità; era quello che stava alle loro spalle, incitandoli a proseguire negli attacchi suicidi, come effettivamente denunciato dal Tenente Ottolenghi, interpretato da Gian Maria Volontè nel mirabile film “Uomini contro” di Francesco Rosi, e come descritto in questo passo dell’appello lanciato dal Convegno Internazionale delle donne socialiste a Berna nel marzo 1915:

Chi minaccia il benessere della patria?

Non certo quegli uomini che al di là della frontiera, vestiti di un’altra divisa, non più di voi hanno voluto la guerra, né più di voi sanno perché devono assassinare i propri fratelli.

No, la patria è minacciata soltanto da coloro che dalla miseria delle moltitudini diseredate traggono la propria ricchezza ed erigono la loro potenza sulla oppressione delle masse.

A chi giova la guerra?

Giova esclusivamente ad una piccola minoranza in ogni nazione. Giova ai fornitori delle armi sulle navi da guerra, ai fornitori dell’esercito. Per aumentare i propri guadagni essi hanno aizzato la diffidenza e l’odio fra i popoli, contribuendo così allo scoppio della guerra…”

(in Mirella Scriboni, Abbasso la guerra! Voci di donne da Adua al Primo conflitto mondiale (1896-1915), BFS Edizioni, Pisa 2008, pp. 150, 151).

Ugo De Grandis, GUERRA ALLA GUERRA. I socialisti scledensi al “Processo di Pradamano” (luglio-agosto 1917), Centrostampa, Schio (VI), 2017, p. 11-12

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *