Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 3 Gen 2017 in Storia | 0 Commenti

Il Risorgimento e la Grande Guerra: due cose diverse (M. T. Caprile)

 

(…) questa guerra è incomparabilmente diversa da quelle che l’hanno preceduta e in particolare da quelle del nostro Risorgimento, alla cui memoria e al suo stridente confronto vanno i pensieri persino di chi, interventista, vi aveva aderito volontariamente e con entusiasmo:

Dal Risorgimento in poi immenso mutamento. Ci penso spesso: allora gradi risultati – positivi o negativi – in pochi mesi. (…) Ah, la guerra moderna! Guerra di metri, di conquista, di tempo, e di milioni di uomini. (confronto) l’eroismo garibaldino con la pazienza atroce di queste campagne moderne, e la fama che allora veniva per un atto e l’oscurità che avvolge e terrà avvolti i nostri morti di ora. (Gualtiero Castellini, Lettere (1915-1918), Milano, Treves, 1921, pp. 41, 54-55)

Maria Teresa Caprile, La fame dei prigionieri: la seconda “prova” di Pastorino, Introduzione a Carlo Pastorino, La prova della fame, Gommarò edizioni, 2016 (or. 1939), p. 8-9

 

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *