Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 12 Gen 2024 in Letture | 0 Commenti

“Insensibilità” (W. Owen)

“Insensibilità”

di Wilfred Owen

 

I.

Beati quelli che prima ancora di venire uccisi

sanno freddare il sangue nelle vene.

Quelli ai quali la compassione non fa scherzi

né indolenzisce i piedi

lungo i sentieri lastricati con i loro fratelli.

La prima linea avvizzisce.

Ma sono truppe ad appassire, non fiori,

per lacrimose sciocchezze di poeti:

uomini, vuoti da riempire,

perdite, che avrebbero potuto

combattere più a lungo; ma nessuno se ne cura.

 

II.

E alcuni smettono di sentire

persino sé stessi o per sé stessi.

Il torpore è il rimedio migliore

all’importuno rovello dei bombardamenti,

e la strana aritmetica del Caso

torna loro più facile da computare

che non lo scellino dell’arruolamento.

Non tengono più il conto della decimazione degli eserciti.

 

III.

Beati quelli che perdono l’immaginazione:

ne hanno di munizioni da trasportare.

Il loro spirito non trascina zaino,

le loro vecchie ferite, solo il freddo può farle dolere.

A furia di vedere solo rosso,

i loro occhi si sono sbarazzati

della pena del colore del sangue, per sempre.

E superata la prima stretta di terrore,

i loro cuori restano rimpiccioliti.

I loro sensi, ormai da tempo cicatrizzati

al rovente cauterio di qualche battaglia,

possono ridere fra chi muore, indifferenti.

 

IV.

Beato il soldato in patria, che neppure s’immagina

come, da qualche parte, ad ogni alba degli uomini

muovano all’attacco,e molti sospiri si esalino.

Beato il ragazzo la cui mente non fu mai addestrata:

i suoi giorni sono piuttosto da dimenticare.

Canta lungo il cammino

che noi percorriamo in silenzio, perché scende

il crepuscolo,il lungo, disperato, inesorabile corso

da un giorno più lungo a una notte più sconfinata.

 

V.

Saggi noi, che con un pensiero

insozziamo di sangue tutta l’anima,

come potremmo vedere il nostro compito

se non con i suoi ottusi occhi senza ciglia?

Da vivo, non sprizza vivacità;

quando muore, non è troppo mortale;

né triste, né fiero,

per niente curioso.

Non sa distinguere

la placidità dei vecchi dalla propria.

 

VI.

Ma gli ottusi che nessun cannone stordisce

saranno condannati ad essere come le pietre.

Sono abietti e meschini

della pochezza che non fu mai ingenuità.

Per scelta si resero immuni

alla pietà e a tutto ciò che piange nell’uomo

davanti all’ultimo mare e alle stelle sventurate;

a ciò che piange quando molti abbandonano queste sponde;

a tutto ciò che condivide

l’eterna reciprocità del pianto.

 

*************  0  *************

 

Il significato di Insensibilità

 

La poesia è stata scritta come un vero racconto. Viviamo ciò che sono le sensazioni di un soldato attraverso lo sguardo attento di Wilfred Owen. Insensibilità è stata costruita in 6 stanze ognuna delle quali diventa la descrizione di sentimenti ed emozioni da condividere.

La poesia parla del coraggio e dell’audacia dei soldati. Illustra anche il modo in cui vengono trattati come sudditi in guerra e uccisi senza pietà.

Insensibilità è un’espressione del dolore. Il poeta racconta come i soldati partecipano alla guerra. La poesia inizia con la dichiarazione che gli uomini non possono mai essere felici e contenti in guerra.

Se si vogliono ottenere buoni risultati sul campo di battaglia, devono desensibilizzarsi. Devono far scorrere il sangue freddo perché prima o poi moriranno.

Presenta un’immagine straziante dei soldati che camminano sui corpi morti dei loro compagni per dimostrare che anche le anime forti e belle non sono libere dalla presa della morte. Tuttavia, i loro corpi sono solo statistiche per il mondo, perché nessuno si preoccupa della loro perdita personale e delle loro emozioni.

Parlando delle conseguenze della guerra, l’oratore afferma che la guerra porta via la spiritualità. I soldati finiscono per diventare insensibili. Sono perseguitati dall’ombra incombente della morte anche dopo il ritorno dalla guerra. Tuttavia, ciò che rimane impresso nella mente dei lettori è il modo in cui l’autore documenta la misera condizione dei soldati di guerra.

I Temi principali della poesia sono morte, sofferenza e guerra. Nel corso della poesia, il poeta cerca di spiegare le vere emozioni e sofferenze delle persone che partecipano alle battaglie. Sebbene siano consapevoli della loro possibile morte, nascondono volentieri la loro paura e le loro emozioni.

Il loro obiettivo principale è combattere in guerra, come se la guerra fosse parte di loro. Non si preoccupano nemmeno della loro vita. L’oratore parla anche dell’atteggiamento del mondo nei confronti dei soldati sopravvissuti.

Purtroppo, nessuno capisce i danni della guerra o vede la loro anima ferita. I soldati trascorrono la loro vita perplessi dopo aver assistito alla morte e al dolore. Diventa difficile per loro riprendere il ritmo normale della loro vita.

 

La prima stanza: Nessuna Compassione

L’oratore, che si dà il caso sia lo stesso Owen, ci dice dei soldati che sono felici se perdono la loro compassione e diventano freddi prima di essere uccisi.

Nessuna compassione può scuotere questi soldati che sono acciottolati con i loro fratelli quando i loro piedi si sentono doloranti nei vicoli. Tuttavia, Wilfred Owen afferma che i soldati non sono fiori che svaniscono con il passare del tempo.

Il poeta dice che le lacrime gli salgono agli occhi quando pensa a questi uomini avventati che riempiono solo i vuoti dopo essere stati uccisi.

La loro perdita non sembra una perdita, perché nessuno si preoccupa di loro, anche se avrebbero potuto vivere più a lungo per combattere. I

Dalla prima strofa della poesia emerge che nemmeno i soldati provano compassione e che avrebbero potuto vivere più a lungo in battaglia, eppure nessuno si preoccupa per loro. L’ironia latente mostra l’insensibilità della gente e delle autorità.

 

La seconda stanza: Nessuna Sentimento, vince l’ottusità

Owen afferma che la situazione per i soldati diventa così disperata e insensibile che smettono di provare sentimenti persino per se stessi. I loro sensi diventano ottusi. Questa ottusità impedisce loro di provare sentimenti nei confronti dell’incessante bombardamento che li stuzzica.

In mezzo a tutto questo, il caso diventa una questione matematica, poiché qualcuno viene ucciso per caso, il che è più semplice che contare i soldi. È qui che non c’è conteggio o impatto del conteggio dei soldati morti che il poeta chiama “decimazione degli eserciti”.

Questa strofa prende in giro le cause, la distruzione e la morte in tono ironico, dimostrando che il poeta vuole accentuare ulteriormente il tema dell’insensibilità.

 

La terza stanza: Beato chi perde l’immaginazione

In questa strofa della poesia Wilfred Owen elogia coloro che perdono l’immaginazione e diventano estremamente realistici nel bel mezzo della guerra. Il motivo, dice il poeta, è che portano con sé le munizioni e non restano indietro nemmeno nell’immaginazione, perché il loro “spirito non trascina alcuno zaino”.

Non sentono il dolore delle loro vecchie ferite. Non pensano che il rossore del sangue sia pericoloso come i loro occhi, mentre tutto il resto intorno a loro è già diventato rosso.

I loro cuori non sentono il terrore della guerra. I loro sensi si spengono e possono ridere tra i soldati morti, perché la battaglia ha tolto loro i sensi.

Questa strofa mostra come i soldati perdano i sensi. Questa strofa aggiunge ulteriormente l’idea principale dell’insensibilità che i soldati dimostrano sul campo di battaglia.

 

La quarta strofa: Beati i soldati che non sono ancora andati in guerra

Wilfred Owen cambia il punto di vista e inizia a raccontare dei soldati che non hanno ancora raggiunto la guerra. Di coloro che non conoscono ancora la tragedia della trincea e dei campi di battaglia.

Questi soldati sono totalmente insensibili agli avvenimenti quotidiani dei loro colleghi al fronte. Non hanno idea di come ogni mattina i soldati si attacchino e si uccidano a vicenda, mentre alcuni di loro esalano l’ultimo respiro.

Il ragazzo che non ha ricevuto un addestramento militare è molto felice perché è una persona sensibile. I suoi giorni sono importanti per lui perché dimentica tutto. Canta anche quando è nell’esercito e continua a marciare con gli altri che sono in silenzio con loro.

Con il suo canto rompe la tendenza dei giorni e delle notti solitarie, lunghe e terribili. Come si evince da questa stanza l’insensibilità è un elemento presente, ma visto da un. punto di vista diverso.

Chi è a casa non può capire cosa vive chi è in guerra.

 

La quinta strofa: saggio chi non si macchia del sangue

Wilfred Owen presenta un altro aspetto del soldato. Egli afferma che siamo saggi perché infanghiamo il nostro nome quando pensiamo di commettere un peccato uccidendo qualcuno, poiché il sangue macchierebbe la nostra anima.

Egli è dell’idea che non possono svolgere il loro compito senza guardare la realtà con “occhi spietati e privi di sguardi”. Ecco perché un soldato vivo non è importante, e anche un soldato morto non ha molta importanza. È privo di sentimenti. Non prova tristezza, orgoglio o curiosità.

Non riesce nemmeno a capire il significato del riposo di un vecchio. Il poeta intende dire che un soldato diventa del tutto insensibile. Pertanto, questa strofa aggiunge ulteriori elementi al tema principale dell’insensibilità.

 

La sesta strofa: la condanna all’ottusità

Dopo aver elogiato gli insensibili, Owen afferma che gli ottusi sono maledetti perché nessuno può stordirli o risvegliarli dal loro torpore insensibile.

Egli è dell’opinione che, sebbene i soldati debbano essere considerati pietre, essi sono meschini e miserabili, con una scarsità di tutto. Tuttavia, sebbene sembri la loro semplicità, non è così.

Il poeta inglese afferma che i soldati pensano di essere immuni dalle passioni e dalle compassioni umane, come la pietà, il lutto e il lamento, ma in realtà si trovano tra il diavolo e il mare profondo.

Qualunque cosa la gente pianga quando lascia questo mondo o le coste di questo mondo, ammesso che sia un mare, c’è solo una reciprocità di lacrime. Sanno che quando uccidono o vengono uccisi, qualcuno piangerà e verserà lacrime.

Questa strofa completa l’idea principale dell’insensibilità.

 

– libreriamo.it –

28 dicembre 2023

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *