Menu Pagine
TwitterRssFacebook
Menu Categorie

Pubblicato da il 2 Nov 2014 in Chiesa | 0 Commenti

PIO X E LA “DUM EUROPA”, 2 agosto 1914 (M. Mazzetto)

 

Non tutti sanno che Giuseppe Sarto, divenuto Papa con il nome di Pio X, quando il conflitto dell’estate 1914 tra Austria-Ungheria e Serbia si stava trasformando nella Prima Guerra Mondiale, rifiutò di benedire le armi austro-ungariche (“Benedico la pace, non la guerra”, disse), e morì di crepacuore il 20 agosto dello stesso anno.

Il 2 agosto 1914 aveva inviato l’esortazione Dum Europa, in cui implorava la cessazione della guerra: si trattò di un accorato appello a porre fine alle ostilità e a cercare ogni strada per la composizione del conflitto nell’interesse superiore dell’umanità e della pace. Lasciò un vero testamento di pace consegnato alle future generazioni.

Vi si legge: “Mentre i popoli dell’Europa, quasi tutti trascinati nei vortici di una funestissima guerra, ai cui pericoli alle cui stragi alle cui conseguenze nessuno può pensare senza sentirsi opprimere dal dolore e dallo spavento, non possiamo non preoccuparci anche noi nel sentirci strappare l’animo nel più acerbo dolore per la salute e la vita di tanti cittadini e di tanti popoli che ci stanno sommamente a cuore. In cosi gravi angustie, sentiamo e comprendiamo bene che questo da Noi richiede la carità di padre e l’apostolico ministero. Vi faccio alzare gli animi a Colui da cui solo può venirci l’aiuto, a Cristo principe della pace e mediatore potentissimo degli uomini presso Dio, e portiamo frattanto i cattolici di tutto il mondo, a ricorrere fiduciosi al suo trono di grazia e di misericordia, e agli altri vada innanzi col suo esempio il clero, indicendo nelle rispettive parrocchie, dietro l’ordine dei vescovi, pubbliche preci per ottenere che Dio, mosso a pietà, allontani quanto prima le funeste fasi di guerra e ispiri ai supremi reggitori delle nazioni pensieri di pace e non di afflizione”.

Anticipò in questo modo la famosa condanna dell’“inutile strage” che il suo successore, Benedetto XV, pronunciò l’ 1 agosto 1917.

Maurizio Mazzetto

 

Pubblica un Risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *